“Dopo l’ultima esperienza, non riesco più a credere in me stessa. Mi rendo conto che mi sto autosabotando, portando i recruiter a non scegliermi”.

Prima di affrontare la ricerca di un nuovo lavoro, è fondamentale ri-acquisire la consapevolezza del proprio valore, in particolare dopo esperienze professionali negative che hanno minato la propria autostima.

Diversamente, il rischio è proprio quello di autosabotarsi, con una comunicazione errata nel cv o in fase di colloquio, e perdere delle opportunità professionali.

Il nostro valore non dipende da cosa pensano gli altri di noi, tantomeno da cosa pensa il nostro (ex) capo/responsabile o collega.

Prima di muoversi nel mercato del lavoro, è necessario fare pulizia.
Di giudizi negativi, critiche inopportune e commenti svalutanti, recuperando l’oggettività.

Avere consapevolezza del proprio valore e credere veramente al valore aggiunto che potremmo portare nella nuova azienda è fondamentale, prima ancora di presentarsi.

Se non crediamo noi stessi nel nostro potenziale, come possono crederci gli altri?

[Qualcosa è cambiato]

“Svolgo il lavoro che ho sempre desiderato, in un’azienda che mi ha permesso di crescere, ma da qualche anno non mi sento più soddisfatto… Eppure non è cambiato niente…”

In questi anni qualcosa sicuramente è cambiato: TU.

Nel tempo cambiano i nostri bisogni, le nostre esigenze, le nostre aspettative.

Cambiano le nostre competenze e le nostre ambizioni.

Ciò che fino a ieri sembrava sufficiente può cominciare a non bastare, perché oggi abbiamo bisogno di altro per sentirci realizzati e soddisfatti.

A cambiare è il nostro obiettivo professionale, perché siamo noi ad essere cambiati, oggi rispetto a ieri.

“Ho perso il lavoro. Mi sento inadeguato, inutile ed allo stesso tempo sfiduciato verso le altre aziende!”

La perdita di un lavoro, improvvisa o annunciata, è quasi sempre accompagnata da sentimenti di rabbia e rancore per il torto subito, ma anche dalla perdita di fiducia verso se stessi e verso le altre aziende.

Il lavoro ricopre per noi un ruolo importante, inevitabilmente e per cultura contribuisce a definire l’immagine che abbiamo di noi stessi, della nostra identità (utilità) sociale.

Per questo, prima di avviare una nuova ricerca, è fondamentale DARSI TEMPO.

Per elaborare la chiusura del rapporto. Diversamente, i sentimenti provati rischiano di emergere in fase di colloquio.

Per gestire la sensazione di perdita di valore. È importante prendere consapevolezza che noi siamo molto di più del nostro lavoro, che possediamo competenze e un valore che vanno oltre il ruolo ricoperto o l’azienda per cui abbiamo lavorato.

Per cambiare prospettiva. Ogni momento di crisi può essere un’opportunità di crescita, di sviluppo personale e professionale. Può essere un’occasione di rivalsa, per ambire ad un ruolo superiore o differente.

Accettiamo di essere UMANI

“Accettiamo di essere umani” … e che potremmo aver sbagliato qualcosa anche noi!

Sui social, vedo spesso post in cui:

  • chi cerca lavoro accusa i Recruiter di non saper fare le selezioni (“non leggono il cv” , “le selezioni le fanno gli ats”, “assumono chi vogliono”..)
  • chi si occupa di Selezione accusa chi cerca lavoro di essere “distratto” (“non ricordano le posizioni a cui si candidano”, “non vengono preparati”..)

A parte il fatto non mi piacciono le generalizzazioni perché, positive o negative, c’è sempre qualcuno che ci rimette, a mio avviso a volte dovremmo metterci più in discussione.

Attribuire la colpa all’altro, non è mai la soluzione.

È sicuramente la strada più semplice, perché libera dal peso della responsabilità.

Mettere in discussione il nostro pensiero o comportamento è più faticoso, richiede un dispendio di tempo ed energie che non sempre siamo disposti ad investire.

Per questo spesso viene più facile seguire i “consigli precotti” dove il capro espiatorio viene identificato al di fuori di noi.

Ma mettersi in discussione è l’unica soluzione se:

? vogliamo crescere, migliorare;

? vogliamo cambiare le dinamiche del processo ed i risultati.

Non abbiamo il potere di cambiare gli altri ma, agendo su noi stessi possiamo cambiare i risultati.

“Cosa posso cambiare?”

Cambio Lavoro? Sì, ma Cambio Verso

Quando decidiamo di affrontare un cambiamento, alla base della nostra decisione c’è la consapevolezza che qualcosa non sta funzionando nello status in cui ci troviamo.

Nella sfera professionale, la nostra insoddisfazione può essere dovuta alla situazione lavorativa attuale, per cui decidiamo di cambiare lavoro, ma anche ai risultati che stiamo ottenendo una volta che la ricerca è stata avviata; questo vale anche quando il cambiamento non è una nostra scelta.
Se non siamo soddisfatti di come sta procedendo la nostra ricerca, perché non stiamo ottenendo i risultati sperati, abbiamo due opzioni: stare fermi, in attesa e in balia degli eventi o decidere di attivarsi e cambiare qualcosa.

Cosa possiamo cambiare?

▶️ l’atteggiamento e lo stato d’animo con cui stiamo affrontando il cambiamento;
▶️ il nostro obiettivo professionale affinché sia più chiaro, prima per noi, poi per gli altri;
▶️ la comunicazione, il modo di presentare chi siamo e la nostra direzione;
▶️ la strategia e il metodo di ricerca utilizzato.

? Acquisire la consapevolezza di quale fattore ci sta ostacolando, è il primo passo verso il cambiamento.

——————————-
? Tutto questo nel mio libro “Cambio Lavoro? Sì, ma Cambio Verso” Disponibile su Amazon

×

Powered by WhatsApp Chat

×